Bravo, grazie, scusa

Buone relazioni, l’investimento più redditizio per il cambiamento


 14,00

Spese di Spedizione
Gratuite:Consegna in 4/10 giorni lavorativi
€ 5,50:Consegna in 24/72 ore
Descrizione

Bravo, grazie, scusa
Buone relazioni, l’investimento più redditizio per il cambiamento.
In un mondo che corre, ci disorienta e dove non troviamo tempo per riflettere,
le abilità relazionali sono funzionali ad affrontare i cambiamenti. In esse è insito
il fattore principale per gestirli e queste pagine si misurano sul delicato tema con
particolare attenzione ai rapporti umani nei luoghi di lavoro, ambiti particolarmente
esposti a scelte difficili.
D’altronde, le nostre possibilità di crescita sono riposte innanzitutto nelle capacità
comunicative: è più facile scegliere e cambiare, se circondati dalle persone giuste.
Ecco che, allora, Bravo, Grazie, Scusa si presentano come tre parole magiche,
che offrono un segno tangibile di quanto abbiamo sincera intenzione di prenderci
cura degli altri. Perché magiche? Perché producono un effetto immediato e
simultaneo a chi le pronuncia e a chi le riceve, migliorando la relazione, rendendo
la comunicazione più efficace, risolvendo un problema. Tanto magiche e pur tanto
bistrattate: per cultura, per orgoglio, per disattenzione.

Scheda Tecnica
Autore
Giuseppe Salvato
Pagine
117
ISBN
9788831361187
Lingua
Italiano
Autore

Giuseppe Salvato Nato a Foggia, vive ovunque. Commercialista insolito e docente di Capacità Gestionali e Relazionali nel corso di laurea in Farmacia a Bologna. Ha interrotto da anni le attività tipiche della professione per supportare le aziende verso il cambiamento: nuove idee, modelli organizzativi, analisi economiche, sviluppo delle risorse umane. Cura il blog www.giuseppesalvato.it. Ha pubblicato La leadership nelle moderne strutture organizzative, 2000; Organizzare il controllo direzionale, 2005; Dal porcellino alla cassaforte – Finanze personali e gestione aziendale sotto controllo!, 2010; Farmacisti di
successo, 2012; Perché le aziende non crescono …e le persone neppure, 2016.

Carrello